Marco Giallini, la serie tv "Rocco Schiavone" sbarca in Germania ma sulla cover c'è una bestemmia

La serie tv italiana con Marco Giallini arriva in Germania, ma sulla copertina c'è una bestemmia
Una lingua straniera nasconde delle insidie al punto che una traduzione sbagliata può diventare uno "scivolone". Sta facendo il giro dei social la copertina che in Germania pubblicizza la serie tv italiana "Rocco Schiavone" con Marco Giallini come protagonista. Il volto dell'attore appare sulle cover di due riviste tedesche, "Zitty" e "TipBerlin", accompagnato da una bestemmia.
Sono in molti a chiedersi se quello che è capitato al titolista sia stato voluto o una semplice svista. La notizia annuncia la messa in onda della fiction usando la bestemmia al posto di una esclamazione di stupore. Lo speciale è nell'inserto per gli abbonati dedicato alla tv, con la programmazione bisettimanale dei canali tedeschi. In "Fernsehen", questo il nome dell’inserto, si legge chiaramente ”Porca M******, un morto!”.



E poi ancora “serie crime italiana con umorismo nero: 'Il commissario e le Alpi' (in Italia “Rocco Schiavone”) dal 26 gennaio sulla Ard”. La copertina non è passata inosservata e sta rimbalzando sui social con non poco clamore. La pubblicità è servita. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 20 Gennaio 2019, 18:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Marco Giallini, la serie tv "Rocco Schiavone" sbarca in Germania ma sulla cover c'è una bestemmia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-21 17:19:42
I recenti interventi della Corte Costituzionale, del Parlamento e del Governo non hanno risolto l’assurdità di una tutela legale della bestemmia. Oltre a essere diventata, in alcuni casi, quasi un intercalare, va riaffermato con forza che la bestemmia, al giorno d’oggi, non rappresenta altro che la tutela giuridica di “persone” la cui esistenza è indimostrabile. Nel 2014, persino dall’Onu sono emerse richieste di abrogare ogni legislazione anti-blasfemia. L’Irlanda, un paese molto più «cattolico» dell’Italia, l’ha fatto nel 2018 con un referendum, vinto con oltre il 70% dei voti.