Cacciatore trova uno "strano cane"
in Valsugana: è lo sciacallo dorato

Un cucciolo di sciacallo dorato (ianchild.com)
TRENTO - In Trentino tra gli animali c'è un nuovo arrivo: è lo sciacallo dorato (Canis aureus), di cui è stata trovata una carcassa. È la prima prova certa della presenza dell'animale in zona, come riferisce la Provincia autonoma di Trento, dopo una serie di segnalazioni non verificabili in passato. L'esemplare è stato trovato in Valsugana la mattina di Pasqua, su segnalazione di un cacciatore, insospettito per le caratteristiche insolite del canide. Avvisato il guardiacaccia di zona dell'Associazione cacciatori trentini, è stato recuperato ed è stata data segnalazione alla stazione forestale di Strigno.

È un maschio del peso di 11,4 chilogrammi. Un riconoscimento non semplice, se non si è attenti o esperti, perché si può confondere con altre specie di canidi selvatici e domestici. Si tratta infatti di una specie nuova per le Alpi orientali, perché proviene dall'Europa sud orientale (Balcani), area raggiunta nel tardo Pleistocene (circa 10.000-15.000 anni fa) dalla vicina Anatolia (attuale Turchia).

La sua diffusione è stata poi limitata, si ritiene da ragioni climatiche e dalla competizione con il lupo, alle porzioni più aride e a steppa della penisola balcanica. Uno dei fattori che ora ne avrebbero favorito l'espansione sarebbe proprio la diminuzione della presenza del lupo negli ultimi 150 anni.

mercoledì 11 aprile 2012, 12:32



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Cacciatore trova uno "strano cane"
in Valsugana: è lo sciacallo dorato
I commenti su questo articolo sono chiusi.
CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER
I commenti su questo articolo sono chiusi.
0 commenti presenti
Indietro
Avanti