Avvoltoi a grave rischio estinzione: in Friuli sarà liberato un esemplare

Il giovane grifone che sarà liberato domenica a Forgaria nel Friuli

di Paola Treppo

FORGARIA NEL FRIULI (Udine) - Un giovane grifone recuperato dall'Alpenzoo di Innsbruck sarà liberato questa domenica 3 settembre, alle 13.15. nella Riserva regionale naturale del Lago di Cornino a Forgaria nel Friuli, in occasione della giornata internazionale di sensibilizzazione al rispetto degli avvoltoi. Alle 15 sarà possibile prendere parte alle visite guidate alla riserva. Si può assistere anche alla liberazione del grifone (nella foto di Fulvio Genero) che non avverrà in caso di brutto tempo. 

Il drammatico declino degli avvoltoi 
La liberazione dell'esemplare si terrà in seno alla manifestazione “Vivi e liberi di volare”, iniziativa realizzata in collaborazione con il Parco natura viva di Bussolengo (Verona); si parte alle 11 con un dibattito sugli avvoltoi in Europa, con un focus sul “Progetto grifone”, a cura di Fulvio Genero, responsabile del progetto. «Parleremo delle problematiche di conservazione degli avvoltoi in Europa e nel mondo - anticipa Genero -. Negli ultimi anni gli avvoltoi hanno subito quasi ovunque un drammatico declino, legato a diverse problematiche causate dalle attività umane. Molte specie sono diminuite o si sono estinte e tante sono le iniziative per cercare di salvare questi grandi planatori».

«Le voliere sono l'unico strumento per salvarli»
Alle 12 “La ricerca e la conservazione nei giardini zoologici”, a cura di Cesare Avesani, direttore del Parco natura viva e presidente della Fondazione Arca. «L’allevamento in ambienti controllati, in specifiche voliere - chiarisce Avesani - si è rivelata per i grandi volatori come gli avvoltoi l’unica strategia capace di salvarli da un’estinzione pressoché certa. Il ruolo che i giardini zoologici possono rivestire nel concorrere alla sopravvivenza del grifone si articola in almeno tre aree di competenza: la riproduzione di esemplari anche attraverso la tecnica che prevede la stimolazione della seconda deposizione (gli avvoltoi normalmente depongono un solo uovo l’anno), la divulgazione del progetto a una larga fascia di popolazione e ultimo, il supporto ai progetti di reintroduzione».

Negli zoo europei 300 esemplari 
«La rete degli zoo europei ha una popolazione di circa 300 esemplari e, considerando il declino della popolazione orientale selvatica europea, questo contingente può rivelarsi di grande importanza per il futuro di questa specie. La dismissione dei cadaveri selvatici da parte degli avvoltoi, in competizione con altre specie necrofaghe, rappresenta una funzione cruciale nell’ecosistema che limita la trasmissione di malattie» dice Avesani. Le tecniche di utilizzo delle nuove tecnologie, come le app in grado di seguire gli esemplari dotati di sistemi gps (radiotracking), possono contribuire all’affiliazione tra il pubblico e questi animali che, immeritatamente, nell’immaginario collettivo, hanno ancora una fama sinistra.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 31 Agosto 2017, 12:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Avvoltoi a grave rischio estinzione: in Friuli sarà liberato un esemplare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-08-31 18:12:32
In Africa, dove vado spesso, di avvoltoi ce ne sono milioni e li vedi dappertutto e non solo in occasione di cadaveri o in seguito ad uccisioni. Bello vedere le coppie che nidificano in cima ad alberi altissimi.
2017-08-31 13:07:41
... solo il dimezzamento delle popolazioni di duplici sapiens ( sic ) potrà, forse, può darsi, anche, ma non è detto dare continuità alla terra e quindi una qualche chanche anche a tanti animali ora in via d'estinzione e non .. tutto il resto sono pannicelli caldi su di una ferita in cancrena..